Qualità dei rapporti

Qualche settimana fa c’è stata una novità nel mio rapporto col barbiere di cui sono piuttosto orgoglioso (questo è un po’ il sequel di questo post qua), è successo che gli ho rivolto la parola in un contesto estraneo al semplice scambio di informazioni pratiche sul mio taglio (anche se di recente avevo arricchito il tradizionale “- diamo un’accorciata? ” con un “ma senza macchinetta” che è stato una svolta per i miei capelli). Dato che era da un po’ che non andavo, è successo che gli ho proprio detto in tono scherzoso “è da un po’ che non venivo“, carezzandomi la capigliatura più folta del solito per far intendere. Lui ha reagito con sorpresa a questa rivoluzione nei nostri rapporti, mi ha rivolto un “prego?” imbarazzato guardandomi nello specchio, poi ha capito e sorriso, ha borbottato qualcosa tipo “ahah sì, li tieni un po’ più lunghi“, io “eheh, sì un po’“. Poi siamo rimasti zitti per il resto del tempo perché la radio parlava del caso Ruby, secondo me avrebbe pure commentato ma non sapeva come la pensassi.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: