Wellington

DSCI0006
 Amir mi racconta del lavoro che ha trovato in un ristorante giapponese, dei suoi progetti per il test d’inglese e l’ammissione all’università. Sopra di noi un affresco pacchiano che raffigura il duca di Wellington ci ignora: quando Amir l’ha visto gli si sono illuminati gli occhi di stupore, come deve essere successo ogni singolo giorno di questo suo primo mese a Londra. Conserva l’entusiasmo del primo giorno che è arrivato; la paura, quella poca che dava a vedere, quasi non c’è più ora che colleziona i primi successi.
 Lo ascolto e lo ammiro, e penso: Londra è una città fatta esattamente per i tipi come lui. Lo vedo già, tra cinque o dieci anni: la città è sua. Vorrei essere stato così a diciannove anni. Davanti a Waterloo Bridge ci salutiamo. Non tornerà a casa per Natale, non ha abbastanza soldi per il volo. Ma è felice.
  E chissà, mi chiedo, se Londra è una città fatta per i tipi come me.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: