“Le Iene” e la Rivoluzione Francese

le-iene-1-1356587_0x410
Non capisco la sorpresa di molti nel constatare, sul caso Stamina, che “Le Iene” sia un programma che fa disinformazione.
  “Le Iene”, al pari di “Striscia la notizia”, è la trasmissione che per anni ha dichiarato di fare giornalismo e satira a Mediaset. Concedendo quindi a Berlusconi l’alibi di poter dire di essere criticato perfino nelle sue reti, con una satira che però in entrambe le trasmissioni non andava mai al di là dello sfottò, la caricatura che dice “Brunetta è basso” e quindi non dice niente, non esprime una opinione, non svela una contraddizione né tantomeno informa. Insomma una satira che non è satira: fatto forse più evidente per “Striscia la notizia” (benché l’ideatore Antonio Ricci citi il Situazionismo per sostenere il contrario, e spiega che le Veline sono una satira della donna oggetto; stupido io), più paraculamente mascherato ne “Le Iene”.
 E le inchieste mostrano spesso lo stesso piattume, un approccio che è un misto tra giornale scandalistico e associazione in difesa dei consumatori. Anche quando si parla di metodo Stamina, o di politica, il servizio si rivolge a un consumatore che deve essere difeso dal potere forte, non a un cittadino che vuole essere informato.
 Su tutto, infatti, regna il paternalismo. Ricordo un servizio de “Le Iene” che è emblematico. Intervistavano i deputati davanti a Montecitorio, rivolgendo domande di cultura generale. “In che anno scoppiò la Rivoluzione Francese?”. Quello che mi rimase impresso fu che le risposte (imbarazzanti) dei politici erano accompagnate, in sovraimpressione, dalla risposta esatta. Ecco, è questo il telespettatore che si aspetta “Le Iene”: uno che si indigna se un politico non conosce la storia, nonostante non la sappia nemmeno lui.
Deputato (visibilmente imbarazzato): “La Rivoluzione Francese… be’ parliamo del Millecinque….seice….”
Telespettatore (socchiude gli occhi per leggere): “Millesettecento….ottantanove. Incredibile, una vergogna, Millecinquecento, ma guarda te questo ignorante
E su questo punto si aprirebbe tutto il capitolo delle affinità culturali col grillismo. Ma è un’altra storia (trattata molto bene per esempio qui).
Annunci

One response to ““Le Iene” e la Rivoluzione Francese

  • ro

    Da molti anni non guardo più Le Iene o Striscia La Notizia. Non ce la faccio proprio. Mi sembra un insulto a me stessa dedicargli il mio tempo, che ritengo prezioso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: