L’Italia immaginata

caffenero

“Caffè nero” è una catena di coffee shop che in UK è molto diffusa. L’arredamento è interessante perché rappresenta un’Italia vista dall’estero a scopo di marketing, quindi doppiamente falsa. È sostanzialmente una fusione tra Starbucks e un bistrot francese, con tocchi rustici qua e là: pavimento in legno, poltrone di pelle, mattoni a vista. Alle pareti fotografie di Roma, ma senza scadere nella banalità dei monumenti più noti (come accade in certe trattorie a conduzione cinese vicino al Vaticano),  piuttosto scene di famiglie sorridenti o ragazze brune al bar, cieli blu e piccioni in volo.
A volte ci prendo un cappuccino quando sono in aereoporto, in attesa del volo che mi riporta in Italia. E penso che sarebbe bello, sceso dall’aereo, trovare quell’Italia lì che si immaginano gli inglesi. Me la immagino come quella reale ma più pulita, organizzata, rispettosa. La banalità della normalità che c’è qui a Londra, ma nella straordinarietà di Roma. Forse è troppo. E poi mi accorgo che semplifico troppo, non solo non è realizzabile ma sto parlando di un mondo di cartone non umano, creato per far consumare cappuccini agli inglesi. E allora penso con tenerezza a loro, alla loro Italia immaginata e desiderata, al lontano che è sempre migliore del vicino. Penso con tenerezza a tutti noi e a quei mondi di pavimenti di legno e ragazze brune al bar che ci alleviano il presente ma ci allontanano dagli altri.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: